Categorie
azienda agricola

Cascina Belmonte: first generation farmers

Approfondiamo la conoscenza delle aziende e delle imprese agricole e agroalimentari interessate a far parte della CSA Ruralopoli di Brescia. Si tratta di aziende del territorio, certificate biologiche, impegnate nella produzione di alimenti sani, puliti e giusti.

Cascina Belmonte nasce nei primi anni 2000, a condurla per qualche anno la mamma Laura, poi, durante l’università Enrico intraprende questa avventura. A Enrico piace pensare di essere un debuttante, un agricoltore alla prima generazione. Come direbbero gli inglesi “first generation farmers” che sembra una cosa spaziale, nuova, che trasmette una sensazione tremendamente moderna. E infatti moderno vuole essere il loro modo di coltivare i campi, tralasciando l’aspetto produttivistico a favore di un approccio ecologico di conservazione del territorio.

Cascina Belmonte comprende circa 20 ettari di terreno, di cui sei coltivati a vigneto con dodici le varietà d’uve; sette a bacca rossa e cinque a bacca bianca. Si producono circa 20000 bottiglie di vino, poche bottiglie di più di D’UVA (succo di più frutti e vegetali estratti in polpa e succo) e alcune migliaia di “bag in box”. Questi prodotti sono il mezzo, il sostentamento, per mantenere e migliorare i terreni. 

Nei prossimi anni Enrico con Cascina Belmonte vuole affrontare nuove e diverse avventure alla ricerca del vino naturale, di succhi ad alto valore nutrizionale e dell’incontro con i bisogni della comunità, interpretati, in una visione multicolore, come spazi verdi ricchi di biodiversità, siepi dove far correre occhi affannati, una tavola all’aperto dove assaggiare prodotti locali, notti in cui festeggiare la primavera. Alla fine di tutto questo, parte del caos urbano verrà in campagna e parte della quiete di campagna andrà in città sotto forma di sensazioni e bottiglie. Una sorta di fecondazione, di incontro, tra uomo e natura. Un’unione finalizzata a produrre frutti puliti, vino, ambiente e una giusta retribuzione per chi lavora e collabora all’avventura.

Obiettivi di sostenibilità

Per promuovere un mondo sostenibile a 360°, a Cascina Belmonte hanno 4 obiettivi:

  • utilizzare il 100% di materiali riciclati o riciclabili o riutilizzabili
  • utilizzare il minor quantitativo di materiale possibile
  • utilizzare materiali con un’impronta carbonica bassa
  • utilizzare materiali la cui produzione inneschi un circolo virtuoso
Misurare l’impronta del carbonio per misurare la sostenibilità

A Cascina Belmonte hanno deciso di attuare una valutazione sull’impatto ambientale che potesse essere il più possibile verificabile attraverso numeri e dati. Hanno adottato il software Ita.ca. per il calcolo dell’impronta carbonica, ovvero per la stima dei chili di CO2 emessa per la produzione e la commercializzazione dei nostri vini.

Monitorare le emissioni permette di adeguare le strategie produttive per diminuire l’impatto ambientale ed i costi di produzione, sia in campagna che in cantina, dove le emissioni hanno un impatto maggiormente significativo per via dell’utilizzo di energia e  imballaggi.

In un’ottica lungimirante di riduzione dell’impatto ambientale, la viticoltura può essere da esempio per tutti i settori monitorando il proprio processo produttivo per ridurre le emissioni di gas ad effetto serra.

Contatti

Cascina Belmonte di Enrico Di Martino, Frazione Moniga del Bosco, 25080 – Muscoline (BS) Tel. +39 3335051606. info@cascinabelmonte.it

_________________________

Ruralopoli è un progetto finalizzato a costruire una comunità che supporta l’agricoltura (C.S.A.) collegata alla comunità locale, al territorio e al consumo di cibo sostenibile. Il territorio su cui opera Ruralopoli è Brescia, con la sua area metropolitana e periurbana. Ruralopoli avrà a disposizione i servizi di Ciboprossimo che abilitano il mercato dei prodotti agricoli locali.

Rispondi