Categorie
Filiera del Grano

Una farina ricca di germe e con poche ceneri

In definitiva, la farina che Cascina Ospitale intende ottenere sarà ricca di germe, fibre quanto bastano ed anche ricca di proteine digeribili e prive di nitrati in quanto l’unica concimazione azotata nell’azienda consiste in sovesci o semplici rotazioni con leguminose (sulla, trifoglio, erba medica, ceci, favino….). 

Il semolato usato per la pastificazione sarà ottenuto dalla macinatura a pietra del grano duro. I chicchi di grano prima di essere macinati subiranno una selezione e una spazzolatura che toglie le prime “pellicine” esterne. In seguito, la molitura dei setacci toglerà crusca e cruschello fino ad arrivare a un indice di ceneri di circa 120. Come sappiamo, il livello di ceneri varia a seconda dell’estrazione a cui viene sottoposto il chicco del grano. Le ceneri non sono altro che il residuo della combustione e quindi dell’incenerimento di un prodotto, e l’esatta percentuale si ottiene calcolando ciò che rimane da un campione di farina dopo che questo è stato portato a 550° per 6 ore. Le ceneri sono sostanze che non bruciano e che non si trasformano in composti volatili; sono quindi costituite prevalentemente dalla componente minerale. Un’elevata percentuale di componente minerale è contenuta nella crusca, che non viene persa, per quanto detto, nel processo di estrazione e trasformazione del chicco soprattutto nella farina integrale. 

Con il tipo di lavorazione che si intende seguire il germe di grano rimane in gran parte nel semolato, apportando nutrienti e proprietà antiossidanti, per cui le farine di Cascina Ospitale e i prodotti che verranno realizzati con le stesse, saranno adatti a tutti coloro che presentano lievi o gravi intolleranze al glutine, perché la struttura proteica di questi cereali antichi sarà riconosciuta e ben tollerata dal nostro organismo proprio grazie alla loro ancestralità.

Inoltre essendo farine prive di sostante tossiche e/o chimiche saranno indicate per chi presenta anche gravi intolleranze a veleni e/o prodotti chimici, questo grazie al metodo scrupoloso di agricoltura biologicae di selezione e pulitura del prodotto che verrà adottato da Cascina Ospitale.

Pasta

Ruralopoli è un progetto finalizzato a promuovere stili di vita sostenibili e di portare ad un cambiamento reale e duraturo delle abitudini alimentari, delle modalità di produzione e consumo di cibo nell’area metropolitana di Brescia.

Rispondi