Categorie
Uncategorized

Analisi di flussi alimentari

Il concetto di foodshed “bacino alimentare”  richiama quello del bacino idrografico: entrambi comprendono l’idea del flusso di una sostanza dalla sua origine alla sua destinazione. L’analisi di foodshed descrive da dove arriva il cibo e come si muove per arrivare sulle nostre tavole.

Conoscere il nostro “foodshed” può servire quindi per valutare la sostenibilità del sistema alimentare dell’area in cui viviamo; visualizzando il foodshed come un network di flussi, come fiumi di cibo verso di noi, possiamo comprendere il nostro posto all’interno del network: il flusso inizia dove gli alimenti vengono coltivati e finisce sulle nostre tavole, e dovrebbe includere anche il recupero degli scarti.

Diversi studi si sono concentrati sull’analisi del Foodshed per verificare la fattibilità dell’utilizzo di cibo locale1. L’analisi di foodshed permette di integrare la valutazione della produzione di cibo nel contesto della capacità portante ambientale integrata con la sostenibilità di una città2.

Peters3 nel 2007 ha usato il Geographic Information Systems (GIS) e altri software per condurre analisi dettagliate determinando i requisiti medi minimi di terreno per fornire una dieta completa a una persona per un anno e successivamente ha sviluppato un modello per mappare i potenziali foodshed locali dello stato di New York e stimare la distanza tra luoghi di produzione e di consumo del cibo nonchè stimare richieste di cibo che possono essere evase dalla produzione interna.

Nel 2014 in Tennesseeè stato preparato il “Knoxville regional foodshed assessment” con lo scopo di valutare la produzione regionale di cibo, misurarne le componenti economiche e gli impatti e raccomandare passi futuri. Nell’area definita di foodshed per Knoxville sono state individuate circa 8000 aziende agricole su una superficie di circa 700.000 acri (circa 300mila ettari), pari al 26% del foodshed. Di questa area il 92% è dedicato all’allevamento e alla coltivazione da pascolo e solo il 5% sono coltivazioni:

Distanze dal centro di Knoxville(4)

L’agricoltura contribuisce all’economia locale con 3 bilioni di dollari () e impiega 9.500 persone. Il rapporto valuta le potenzialità di crescita per i prodotti del foodshed e dell’economia locale.

Altre analisi di foodshed, oltre a identificare le caratteristiche della produzione, considerano e mappano più in dettaglio anche la distanza con i mercati contadini, come nello studio fatto a Wrocław (Braslavia, Polonia)2. In questo caso sono stati identificati due confini per il foodshed, con uno più ampio necessario per identificare i luoghi di produzione:

Flussi alimentari e quantità di produttori in ciascuna area (2)

La georeferenziazione ha permesso di identificare i luoghi di provenienza dei prodotti alimentari e differenziare l’area di provenienza di vegetali e tuberi da quella di latticini e carne. 

Anche nell’area del Western Washington5  è stata condotta un’analisi di foodshed, in cui viene anche fatta un’analisi dell’impatto delle preferenze alimentari degli abitanti: i consumi vengono confrontati con i prodotti del foodshed e con le raccomandazione dietetiche dell’USDA:

Produzioni, Consumo e Dosi raccomandate in Western Washington (5)

Evidentemente il foodshed non produce abbastanza per ciascuna categoria alimentare eccetto che per i latticini. Il rapporto propone quindi una serie di strategie alternative per far diventare il Western Washington autosufficiente.

La produzione del cibo include tutto un sistema di infrastrutture che comprendono non solo i terreni agricoli e gli allevamenti ma anche gli impianti di trasformazione e di stoccaggio, i distributori all’ingrosso e al dettaglio. Le analisi di foodshed si prestano a verificare l’impronta ecologica degli alimenti, nonchè di verificare le possibilità di gestire le necessità nutrizionali della popolazione e possono essere utilizzate quando si pianifica una CSA. L’applicazione di questo tipo di approcci può favorire lo sviluppo sostenibile e fornire la base dello sviluppo futuro fornendo piani, strategie e gestione spaziale.

1 Butler, M. Analyzing the Foodshed: Toward a More Comprehensive Foodshed Analysis Geography Masters Research thesis, Portland State University, (2013).

2 Świader, M., Szewrański, S. & Kazak, J. K. Foodshed as an example of preliminary research for conducting environmental carrying capacity analysis. Sustainability (Switzerland) 10 (2018).

3 Peters, C., Bills, N., Wilkins, J., & Fick, G. Foodshed analysis and its relevance to sustainability. Renewable Agriculture and Food Systems 24, 1-7, doi:doi:10.1017/S1742170508002433 (2009).

4 Chad Hellwinckel, Jamey Menard, Brad Wilson & Jane Howell, K. P., Inga Haugen KNOXVILLE REGIONAL FOODSHED ASSESSMENT. (Agricultural Policy Analysis Center University of Tennessee 2014).

5 Branden Born, Anne DeMelle, Kara Martin & Megan Horst. Western Washington Foodshed Study. (American Farmland Trust, 2012).

Alessandra Iero

Rispondi